Life 3.0 | il blog di don Giovanni Fasoli
14869
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-14869,tribe-no-js,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Chi sono

Ciao sono don Giovanni Fasoli, sacerdote dell’Opera Famiglie di Nazareth: vivo la mia vita con gli adolescenti e ai giovani: incontri nelle scuole, momenti di spiritualità e missione-giovani.
Sono psicologo clinico iscritto all’Albo del Veneto ed Educatore Sociale.
Sto terminando un master al Minotauro di Milano in psicologia delle nuove tecnologie e la scuola di psicoterapia Aetos a Venezia.
Insegno all’università IUSVE di Venezia – nel dipartimento di Psicologia e di Pedagogia – materie che riguardano la dimensione Cyber e Social: la WebLife.
Tengo incontri di formazione nelle Scuole, nelle Associazioni e nelle Parrocchie. Tengo un blog, scrivo dei libri.

Ambiti di intervento

ADOLESCENZA

incontri per adolescente sulla crescita personale e sull’orientamento esistenziale.

GENITORIALITÀ

incontri ai genitori in modo particolare rispetto alle dinamiche social delle nuove generazioni.

FORMAZIONE ANIMATORI / EDUCATORI

rispetto a tematiche attuali nel mondo giovanile o alle dinamiche di gruppo e di equipe.

NUOVE TECNOLOGIE

la WebLife tra risorsa e rischio.

COUNSELLING

lezioni di Counselling e adolescenza, Counselling e differenza di genere, Counselling e social, Counselling e catechesi.

CYBER COACHING

incontri di formazione sulle tematiche del coaching che incrociano la new media Communication e le relative implicazioni.

Ultima pubblicazione

Di “sole”…e di “nuovo”

Si racconta di un uomo che decise di avventurarsi negli inospitali territori dell’Africa, accompagnato soltanto dai suoi portatori. Ciascuno di loro impugnava un machete per farsi strada tra la folta vegetazione. Il loro obiettivo era avanzare a tutti i costi. In presenza di un fiume, lo guadavano nel minor tempo possibile. Se spuntava una collina, affrettavano il passo per non perdere neppure un minuto. D’un tratto, dopo solo qualche ora scarsa di marcia, i portatori si fermarono, lasciando interdetto l’avventuriero. Egli chiese: “Perché vi siete fermati? Siete già stanchi dopo poche ore di cammino?”. Allora uno dei portatori lo guardò e rispose: “No signore, non siamo stanchi. Ma abbiamo camminato troppo in fretta. Adesso ci fermiamo per aspettare l’anima”. Fermarsi. Aspettare l’anima. E poi… Vedere. Stupirsi. Contemplare. Agire. Ascoltare. Ripartire. Vestirsi di “sole”… e di “nuovo”.

Collaborazioni

LAST MINUTE

articoli spunti e riflessioni per parlare dell'ultima frontiera social, per animatori ed educatori. Affrontano argomenti dal punto di vista storico-sociologico, psicologico, pedagogico e di significato esistenziale.

SOCIAL EDUCATION

uno sguardo incrociato con Rosa Giuffrè per collocare la dimensione social in una prospettiva comunicativa ed educativa in una vera convergenza di approccio.

Dicono di me

Contatti